NICKMERCS afferma che Warzone sta morendo a causa di un'infestazione da hacker

YouTuber professionista e streamer di Twitch NICKMERCS ha alcune riflessioni sullo stato attuale di Warzone e non sono positive.

Call of Duty: Warzone ha cambiato il gioco, portando il franchise nell'era moderna, con un nuovissimo battle royale. Il gioco è free-to-play e uno dei tiratori più votati attuali sul mercato, ma non è privo di problemi.

https://www.youtube.com/watch?v=Vow_BnSAIFA

NICKMERCS, noto per i suoi video quotidiani su YouTube che aiutano a modellare il meta di Call of Duty: Warzone, si sta stufando del gioco. In un nuovo caricamento, intitolato 'Warzone sta cambiando...', il pro-gamer ha delineato il problema principale con il titolo.

Perché Warzone sta morendo?

NICKMERCS è stato lamentarsi degli hacker di Warzone da un po' di tempo, ed è chiaro che il problema sta arrivando a lui. In questo ultimo caricamento, si rivolge al suo pubblico, iniziando con una nota piuttosto cupa:

'Volevo parlarti di qualcosa di un po' più serio, la possibile morte di questo gioco che giochiamo.'

Hacker di Call of Duty Warzone
(Fonte: Activision)

Nell'introduzione del video, il giocatore di Warzone afferma che sta iniziando a vedere gli hacker dilagare nel gioco battle royale. Sembra che ci siano uno o due giocatori che imbrogliano in quasi tutte le lobby in cui entra lo streamer e stanno diventando più difficili da gestire.

Alcuni dei giocatori di hacking non sono molto bravi nel gioco, ed è per questo che ricorrono a cheat, sottolinea NICKMERCS.



'Ma poi hai ottenuto quelli buoni', continua NICKMERCS. “Quelli che sanno come farlo. E si bloccano proprio sulla tua testa, ti fulminano dal cielo, ti sparano da una parte all'altra della mappa…”

La piattaforma principale per gli imbroglioni è il PC, ma NICKMERCS promette che anche gli hacker sono su console. E anche quando l'editore Activision vieta gli account degli hacker, gli individui in questione creano semplicemente un nuovo profilo e si uniscono alla battaglia.

Il motivo per cui gli hacker di Warzone sono così comuni

Grazie al fatto che Warzone è free-to-play, gli hacker possono entrare direttamente nel gioco, anche dopo essere stati banditi, gratuitamente. NICKMERCS chiede ad Activision di acquistare o produrre un nuovo software anti-cheat in grado di fermare gli hacker prima che entrino nella lobby.

In un mondo ideale, un giocatore bannato verrebbe rilevato in base all'hardware o al suo IP. Legare un ban semplicemente a un account chiaramente non funziona.

Questa non è la prima volta che lo stesso NICKMERCS chiede ad Activision di cambiare. Prendendo su Twitter all'inizio di questa settimana, l'utente ha chiesto ancora una volta che Warzone implementa un software anti-cheat.

Il giocatore professionista di Call of Duty è ancora innamorato del gioco e probabilmente si guadagna da vivere. Tuttavia, deve bruciare l'uomo non solo per essere sniffato in streaming su base regolare, ma anche per avere hacker che lo catturano.

Nel resto del video, NICKMERCS collabora con gli altri streamer Cloakzy e TimTheTatman in un gioco intenso. Anche se non sembra che ci fossero hacker presenti in questa lobby, la sessione di Warzone è abbastanza difficile quando gli spettatori dello streaming saltano nella tua partita.

Nonostante sembri che metà della lobby sia fuori per prenderlo, NICKMERCS si aggrappa alla Warzone Victory con un enorme gioco di 21 uccisioni. Si spera che Activision alla fine risolva questi problemi e che l'anti-cheat faccia la sua comparsa prima del ora di inizio di Warzone Stagione 6 .